1 febbraio 2017

Numeri, accessibilità, inclusione

Nell’anno scolastico 2014-15 gli alunni con disabilità nel sistema nazionale d’istruzione sono 234.788. Rappresentano il 2,7% del totale degli alunni e si suddividono in: alunni con disabilità visiva (1,6%), uditiva (2,7%) e psicofisica (95,8%); tra questi ultimi, il 65,3% presenta una disabilità intellettiva, il 3,5% una disabilità motoria e il 27% altre disabilità (disturbi psichiatrici precoci, disturbi specifici dell’apprendimento in compresenza di altri disturbi, ADHD).
Gli alunni con disabilità si concentrano soprattutto nella scuola primaria e secondaria di I grado: il 9,5% di essi si colloca nella scuola dell’infanzia; il 37% nella scuola primaria; il 28,5% nella scuola secondaria di I grado; il 25% nella scuola secondaria di II grado. (Dal 9° Rapporto di monitoraggio, presentato l'8 giugno 2016).
Non sono disponibili dati precisi riguardanti i bambini con disabilità sotto ai 6 anni.
Ad oggi non sono disponibili numeri certi dei bambini con disabilità ma una cosa è certa: TUTTI HANNO DIRITTO A GIOCARE.

I numeri devono restare sulla carta mentre nella pratica dobbiamo impegnarci tutti a realizzare spazi accessibili a tutti nelle nostre città!
Durante la nostra esistenza attraversiamo fasi in cui siamo più o meno abili nel camminare, correre, arrampicarci, mantenere l'equilibrio. Quando siamo piccoli e impariamo a camminare, quando diventiamo mamme e papà e spingiamo un passeggino, quando ci infortuniamo e usiamo le stampelle, quando diventiamo anziani e ci aiutiamo con un bastone da passeggio...


Uno spazio privo di barriere architettoniche è uno spazio migliore non solo per le persone con disabilità ma per tutti! Ricordiamocene quando progettiamo un parco giochi! Un parco giochi è uno spazio pubblico e dovrebbe poter essere accessibile e fruibile da parte di tutti i cittadini grandi e piccini.

Non vogliamo sentir parlare di parchi gioco per disabili, non esistono e non devono esistere spazi riservati a persone con disabilità: dobbiamo tutti utilizzare gli stessi spazi che devono essere resi accessibili e fruibili come prevedono le varie leggi e normative italiane, (per approfondire leggi qui: Accessibilità e parco giochi inclusivo)

E ricordate che un parco giochi inclusivo che svolge adeguatamente le funzioni cui è destinato deve nascere da un progetto studiato da esperti o da un gruppo di lavoro formato da rappresentanti di cittadini, associazioni, tecnici del Comune, esperti di aree gioco. Rispetto a un parco classico necessita di molte valutazioni riguardo la scelta dei giochi, della pavimentazione, dell'accessibilità al parco stesso, ... Un buon risultato si ottiene solamente così, e se ne volete la prova chiedetelo ai genitori di bambini con disabilità, (vari tipi di disabilità), invitateli in un parco giochi inclusivo e chiedete loro se i loro bambini riescono a giocare e se si divertono!

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Nessun commento:

Posta un commento

Moderazione attiva, il vostro commento sarà pubblicato dopo l'approvazione. NO SPAM! parchipertutti@gmail.com