Questo blog nasce per sensibilizzare tutti sul diritto al gioco dei bambini con disabilità e per far conoscere i "parchi giochi inclusivi". Di cosa si tratta? Di parchi dove tutti i bambini possono giocare insieme. Parchi privi di barriere architettoniche, parchi dove sono installati giochi il più possibile accessibili e fruibili da parte di tutti i bambini. Bambini che possono correre, bambini che usano la carrozzina, bambini ipovedenti, bambini con disabilità motoria lieve e bambini che amano saltare come grilli. In questi parchi ci sono strutture gioco, (castelli, navi, torri...), con rampe al posto delle scale, i pannelli sensoriali sono posizionati ad altezza tale che possano essere utilizzati anche da chi sta seduto così come le sabbiere o le piste per biglie e/o automobiline. Parchi con tunnel giganti il cui accesso è possibile anche alle carrozzine, giostre girevoli che possono essere utilizzate da tutti. Questi sono i giochi che piacciono a noi. Per quanto riguarda l'altalena per carrozzine abbiamo scritto alcune riflessioni, (potete leggerle: qui e qui). Non siamo contrarie all'installazione di questo gioco nei parchi, (nei parchi gioco insieme ad altre strutture pensate per tutti i bambini), mentre abbiamo grossi dubbi sulla sua reale utilità quando viene installata in un prato, in un luogo isolato da qualsiasi altro gioco. Questa altalena ultimamente è diventata “simbolo” di una città sensibile ai bisogni dei bambini e ragazzi con disabilità. E le persone con disabilità motoria lieve? E gli ipovedenti o ciechi? Scegliere un gioco che può essere utilizzato solo da alcuni bambini con disabilità, ed escludere tutti gli altri, non è una scelta felice. Ci piacerebbe che i privati, le associazioni e le amministrazioni comunali puntassero più in alto ovvero scegliessero giochi per tutti, giochi che permettono ai bambini di socializzare e giocare insieme. Se volete vedere le immagini dell'area giochi inclusiva di Rimini le trovate qui: Tutti a bordo!

8 gennaio 2017

Consiglio di lettura: Parchi urbani e campi gioco - 3

"Parchi urbani e campi gioco. Progettazione, sicurezza, gestione e animazione del verde pubblico"
Il volume è il risultato di una ricerca che è stata promossa inizialmente dal Dipartimento di Urbanistica dell'Istituto Universitario di Architettura di Venezia, ma si è ben presto collegata con altri Enti, Istituti italiani e stranieri e con singoli studiosi i quali, sia pure da angolazioni diverse, si occupano, spesso con incomprensioni e/o con scarsi mezzi, delle problematiche relative ai parchi urbani ed ai campi gioco.
Esso ha tratto i suoi auspici da un Convegno Nazionale promosso dal Comune di Rimini, particolarmente sensibile ai tempi ambientali ed alla progettazione/gestione del verde pubblico, e patrocinato dal CIGI, (Comitato italiano per il gioco infantile).
Vi riportiamo una piccola parte dal capitolo dedicato a: "Del verde pubblico standardizzato alla progettazione interdisciplinare degli spazi aperti" di Giorgio Conti. Tenete presente che i libro è stato stampato nel 1988 e quanto riportato qui sotto ha valore puramente storico.
30 anni dopo non è cambiato molto: il progetto del parco giochi non è ritenuto importante così come non è ritenuto importante il valore del parco giochi.

Così assistiamo indifferenti  al paradosso urbano di vedere, da un lato, crescere una popolazione sempre più attenta e "disponibile" alla cultura ed alla necessità "fisiologica" di occupare intelligentemente il proprio tempo libero e, dall'altro, restringersi gli spazi di socializzazione e di incontro, date le note difficoltà degli Enti locali, incapaci spesso persino "di mantenere" decorosamente il Verde Pubblico esistente. 
...
Ancora una volta i "bisogni dei bambini e dei ragazzi" vengono sacrificati sull'altare della ben più pressante "questione giovanile" senza capire che è vero quel che ha sempre sostenuto  Maria Montessori: "Il bambino rappresenta il costruttore dell'adulto".
...
Del resto anche laddove i Campi Gioco si sono progettati e realizzati i risultati non son stati soddisfacenti. Le cause di questo insuccesso sono molteplici, ma tra le principali vi è la "qualità progettuale".
In molti casi è mancato, a dar vita al progetto, un approccio inter-disciplinare alle problematiche ludiche e del Parco Urbano. Nonostante che in Italia non siano mancate proposte e pubblicazioni sull'argomento, l'"Architetto" chiamato a progettare i Campi Gioco ed i Parchi Urbani si è, nella maggior parte dei casi, sentito un "Archi-tutto".
Proprio perché i Parchi Urbani rappresentano dei "vuoti" quindi "per antonomasia" dei progetti minori, dove tutti si sentono autorizzati a fare proposte.
Inoltre, se è vero quel che ha scritto Leonardo Sinisgalli: "I giuochi mettono i filosofi in imbarazzo", si può ben comprendere come il nostro "Archi-tutto" li abbia scelti, come si scelgono le piastrelle di un bagno e li abbia collocati, come si collocano eleganti soprammobili in un appartamento "per bene".
Se i Campi gioco sono didatticamente interessanti, se sviluppano fantasia e creatività sociale, se rappresentano luoghi di convivialità urbana o se le strutture di gioco sono "sicure", questo è un problema, che nel migliore dei casi viene "affrontato a posteriori", a Parco inaugurato.
Il Campo-Gioco che dovrebbe essere progettato per essere uno spazio dinamico e socializzato alternativo al gioco elettronico si trova ad essere, parafrasando Musil, una struttura ludica senza qualità: dove il bambino rimane statico e l'attrezzo è dinamico.
....
La progettazione di un Campo Giochi non è "un gioco da ragazzi"


Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Nessun commento:

Posta un commento

Moderazione attiva, il vostro commento sarà pubblicato il prima possibile, NO SPAM per favore