Questo blog nasce per sensibilizzare tutti sul diritto al gioco dei bambini con disabilità e per far conoscere i "parchi giochi inclusivi". Di cosa si tratta? Di parchi dove tutti i bambini possono giocare insieme. Parchi privi di barriere architettoniche, parchi dove sono installati giochi il più possibile accessibili e fruibili da parte di tutti i bambini. Bambini che possono correre, bambini che usano la carrozzina, bambini ipovedenti, bambini con disabilità motoria lieve e bambini che amano saltare come grilli. In questi parchi ci sono strutture gioco, (castelli, navi, torri...), con rampe al posto delle scale, i pannelli sensoriali sono posizionati ad altezza tale che possano essere utilizzati anche da chi sta seduto così come le sabbiere o le piste per biglie e/o automobiline. Parchi con tunnel giganti il cui accesso è possibile anche alle carrozzine, giostre girevoli che possono essere utilizzate da tutti. Questi sono i giochi che piacciono a noi. Per quanto riguarda l'altalena per carrozzine abbiamo scritto alcune riflessioni, (potete leggerle: qui e qui). Non siamo contrarie all'installazione di questo gioco nei parchi, (nei parchi gioco insieme ad altre strutture pensate per tutti i bambini), mentre abbiamo grossi dubbi sulla sua reale utilità quando viene installata in un prato, in un luogo isolato da qualsiasi altro gioco. Questa altalena ultimamente è diventata “simbolo” di una città sensibile ai bisogni dei bambini e ragazzi con disabilità. E le persone con disabilità motoria lieve? E gli ipovedenti o ciechi? Scegliere un gioco che può essere utilizzato solo da alcuni bambini con disabilità, ed escludere tutti gli altri, non è una scelta felice. Ci piacerebbe che i privati, le associazioni e le amministrazioni comunali puntassero più in alto ovvero scegliessero giochi per tutti, giochi che permettono ai bambini di socializzare e giocare insieme. Se volete vedere le immagini dell'area giochi inclusiva di Rimini le trovate qui: Tutti a bordo!

16 dicembre 2016

Disabili, persona con disabilità, barriere architettoniche

Disabili è un'ottima abbreviazione di "persona con disabilità", però è sostanzialmente un falso. Non esistono i disabili, esistono le persone, e alcune di queste persone, qualche volta, hanno delle disabilità. Però le persone rimangono persone, nessuno è la propria disabilità.
In questo senso, dico io, la parola "disabile" è un'abbreviazione funzionale, ma bugiarda.
È un po' il simbolo che vedo in quest'opera, le persone con disabilità non sono schiacciate dalla propria carrozzina, che è invece un ottimo mezzo di trasporto. Ma sono schiacciate dalle barriere architettoniche e sociali, dalla cecità sociale del continuare a costruire edifici senza scivoli, o con scivoli che quelli dell'acqua park hanno una pendenza minore. Tutto a norma di legge, però. O a norma di potere, che dir si voglia.

Dalla pagina facebook di Saverio Tommasi: https://www.facebook.com/SaveTommasi/



Che altro aggiungere? È un concetto così semplice e facile da capire... Eppure sono poche le persone che al giorno d'oggi, ricordiamo che siamo nell'anno 2016, riescono a comprendere quanto siano importanti le parole e quanto sia importante l'accessibilità. Le persone sono persone, alcune possono avere una disabilità temporanea o permanente ma tutti siamo prima di tutto persone. Sarà capitato o capiterà a tutti, durante il corso della propria esistenza di provare sulla propria pelle la disabilità, (che non è una parola così brutta, è semplicemente la condizione di chi ha una ridotta capacità d'interazione con l'ambiente sociale rispetto a ciò che è considerata la norma. Ovvero una ridotta autonomia nello svolgere le attività quotidiane e nel partecipare alla vita sociale).
Condizione che si presenta, ad esempio, quando siamo costretti all'uso di stampelle a causa di un'ingessatura a una gamba o anche semplicemente quando abbiamo bisogno di occhiali per vedere bene. Sono esempi semplici ma facili da comprendere: con le stampelle e grazie a rampe o percorsi non accidentati possiamo muoverci anche se abbiamo una gamba ingessata, altrimenti siamo costretti a stare in casa. E allora la disabilità da cosa è data? Dalla gamba ingessata o dal poter usufruire o meno di ausili e spazi adatti?
L'accessibilità è importantissima! Dovremmo avere tutti una lampadina in testa che si accende ogni volta che parcheggiamo dove non dobbiamo, (stalli riservati a persone con disabilità, rampe, piste ciclabili, marciapiedi, ...), giusto per ricordarci che anche a noi può tornar comodo la rampa per salire e scendere sul marciapiede, ad esempio quando portiamo a spasso i bambini piccoli con il passeggino.
C'è ancora tanto lavoro da fare, soprattutto a livello culturale visto che la nostra è una società molto egoista, abbiamo perso la capacità di pensare alle persone che vivono nella porta a fianco...

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

A tal proposito, sull'uso delle parole, cogliamo l'occasione per far presente che a noi non piace affatto l'utilizzo dei termini "fortunato" e "sfortunato" riferito rispettivamente a persone "normodotate" e persone "con disabilità".

Perché suddividere in maniera così netta gruppi di persone che in comune potrebbero non avere proprio nulla? I normodotati sono tutti uguali? I disabili sono tutti uguali? A tal proposito vi invitiamo a leggere il post ironico di Iacopo Melio nel quale descrive il disabile ideale: http://www.fanpage.it/dieci-punti-per-riconoscere-il-disabile-ideale/

Ma qual è il significato di "fortunato" e "fortuna"?

fortunato agg. Che ha fortuna, favorito dalla fortuna: è un uomo f.; è sempre stato f. nella vita; f. te!, f. lui!; puoi dirti f. che non t’è andata peggio; quando si nasce fortunati! ..., a proposito di persona a cui le cose riescono bene senza suo merito; fortunato!, fortunatissimo!

fortuna s. f. Propriamente, nome di un’antica divinità romana, personificazione della forza che guida e avvicenda i destini degli uomini, ai quali distribuisce ciecamente felicità, benessere, ricchezza, oppure infelicità e sventura.
In senso più astratto la sorte, intesa soggettivamente, in quanto cioè si mostri benigna o maligna, mandando agli uomini quanto può determinare la loro felicità o infelicità. La sorte intesa oggettivamente, come vicenda, come alterna possibilità di condizioni buone e cattive, favorevoli e avverse.
Senza altra determinazione, la sorte favorevole, o più concretamente un avvenimento felice ...

Le conclusioni traetele voi...
Noi crediamo che se ci impegniamo tutti per garantire a tutte le persone con e senza disabilità una vita dignitosa, il diritto allo studio, al gioco, allo svago, a viaggiare, al lavoro, accessibilità a tutti i luoghi pubblici e privati, ... beh forse potremmo essere considerati tutti uguali e tutti in grado di essere più o meno fortunati non a causa della disabilità ma di eventi indipendenti da questa condizione. I diritti e l'accessibilità non hanno nulla a che fare con la fortuna, (che è indipendente da ogni azione), ma sono merito di azioni svolte dagli uomini.
Per dire... visto che il "disabile" viene spesso definito "sfortunato" o "meno fortunato" è quindi impossibile che vinca il Superenalotto?


Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Nessun commento:

Posta un commento

Moderazione attiva, il vostro commento sarà pubblicato il prima possibile, NO SPAM per favore